Prospettive rosee per il Bitcoin, le stime di prezzo nell’anno 2024

In più articoli ho spiegato l’importanza del Bitcoin sia sotto il profilo informativo ed economico (come in https://ilvelodimaya.eu/informazione-e-bitcoin-parla-un-giurista-davanguardia/) sia sotto il profilo culturale e libertario (come in https://ultime-notizie.net/bitcoin-strumento-di-democrazia-se-ne-e-parlato-alloslo-freedom-forum-2022/).

Molte previsioni sono state fatte sull’aumento di valore del Bitcoin e ora, in vista dello halving del 2024 e dopo la svolta storica della recente (10 gennaio c.a.) approvazione degli ETF su BTC da parte della SEC Securities and Exchange Commission (l’autorità statunitense di vigilanza dei mercati finanziari), si sono scatenate le previsioni sui futuri rialzi.

Tra le quali emerge quella di PlanB, analista molto noto nel settore, che sostiene che la capostipite delle criptomonete potrebbe raggiungere un ATH All Time High (massimo storico) di $524.000 con il prossimo ciclo rialzista. In ogni caso ci si aspetta un prezzo medio di almeno 100.000$ tra il 2024 e il 2028, ovvero nel corso del prossimo ciclo di halving di BTC secondo una meno audace previsione.

Certamente il nuovo ETF (Exchange Traded Fund) consentirà da ora agli investitori istituzionali e al dettaglio di investire più facilmente in questa criptovaluta tramite prodotti di risparmio regolamentati, senza dover detenere direttamente i Bitcoin. E il fatto di trarre profitto dagli sviluppi del BTC senza investire direttamente il proprio denaro in tale valuta digitale contribuisce al rialzo delle quotazioni.

Ma la previsione di PlanB trae spunto dalle tendenze storiche del primo token digitale, soprattutto dall’impatto che hanno avuto nel tempo gli halving, mappando in un grafico – che potete facilmente trovare in Internet – i prezzi di BTC per ogni evento, appunto, di halving. Si legge in calce, a commento del grafico, la frase “Godetevi Bitcoin sotto i 40.000$… finché dura”.

Giova precisare che l’halving è un evento ricorrente nel protocollo2024 Bitcoin che comporta una riduzione delle ricompense che i miner ricevono per la convalida delle transazioni. Nella storia del BTC tale evento ha sempre contribuito all’impennata del valore della criptovaluta. 

In sostanza si prevede che Bitcoin entrerà nella suddetta fascia di prezzo sul finire dell’anno 2024. Senza contare che, da ultimo, l’indice Fear and Greed di BTC si è mantenuto su Greed per 30 giorni consecutivi, un fenomeno che non veniva osservato da due anni e che riflette l’ottimismo e la fiducia nei confronti del settore delle criptovalute.

Ora le prospettive sembrano davvero rosee e positive per Bitcoin.

Bangkok, 17. 1.2024
Avv. Giovanni Bonomo

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento